Privazione del sonno

La privazione del sonno è una condizione che consiste nella notevole riduzione o totale assenza del sonno in una persona o animale, che può condurre alla morte. Eh si, non lo sapevi?

Introduzione

Le conseguenze immediate della privazione del sonno

Oltre alla stanchezza psicofisica, sono: cattivo umore, facile irritabilità, difficoltà nella concentrazione e nell’apprendimento, perdite di memoria, alterazione della capacità decisionale, calo di interesse per le attività quotidiane, tremori, viso gonfio e pallido. Questa condizione comporta anche costi economici elevati, per questo motivo in qualsiasi conversazione sulla produttività in questi ultimi anni, si fa sempre menzione al nostro bisogno di un pisolino.

In evidenza

National Geographic ha realizzato un reportage abbastanza completo sulle ultime teorie degli scienziati sul sonno e su ciò che facciamo quando dormiamo.

Scoperte

Il premio nobel per le loro scoperte dei meccanismi che controllano i ritmi circadiani

Da sinistra a destra, Michael Rosbash, Jeffrey C. Hall, and Michael W. Young. (AFP PHOTO/CHINESE UNIVERSITY OF HONG KONG)

Nel 2017 il Comitato Nobel ha assegnato il premio per la medicina a tre ricercatori americani “per le loro scoperte dei meccanismi che controllano i ritmi circadiani“, l’orologio interno del nostro organismo e degli altri esseri viventi.

Esperimento

Anche le meduse hanno bisogno di dormire

Chiaramente il sonno gioca un ruolo importante per qualsiasi creatura con un cervello. Ma che dire di una creatura senza cervelloI ricercatori del California Institute of Technology di Pasadena hanno osservato 23 meduse del genere Cassiopea in modo ininterrotto per sei notti e sei giorni. Quello che emerge dalle loro osservazioni che anche organismi così semplici abbiano bisogno di dormire potrebbe essere la spia di un’unica, antica origine del sonno, con uno scopo molto meno sofisticato di quello che vediamo oggi nell’uomo. Il bisogno di dormire potrebbe essersi evoluto in un singolo organismo e poi aver preso diverse forme: ad oggi infatti non sono ancora stati osservati animali che non ne abbiano la necessità.

Mostrami i numeri

Quali sono i numeri del sonno

La Nuova Zelanda ha la media di sonno più alta a 7 ore e 30 minuti , mentre il Giappone ha la più bassa a 5 ore e 59 minuti.

Dormire da 60 a 90 minuti in più per notte può renderti più felice e sano.

La persona, mediamente, impiega 7 minuti per addormentarsi.

Noi sogniamo 4-6 volte per notte, ma dimentichiamo il 95-99% dei nostri sogni la mattina seguente.

Le 23:21 è l’ora di andare a letto per gli americani.

La fase REM costituisce il 20% del nostro sonno totale, mentre il restante 80% sono fasi del sonno non REM.

La nostra temperatura corporea scende di 1-2 gradi durante la notte, quindi è perfettamente normale sentire un po’ di freddo.

Il 54,1% degli adulti preferisce dormire in posizione fetale, mentre il 37,5% dorme sulla schiena, anche se è la posizione più salutare.

Il 6-8% dei partecipanti a uno studio ha riportato una condizione chiamata “sexsomia” che significa svegliarsi nel cuore della notte per entrare in intimità con il proprio partner.

Il 65% dei nostri sogni è pieno di tristezza e rabbia, mentre il 20% contiene felicità ed eccitazione.

Altri numeri interessanti

I numeri sulla privazione del sonno

7 ore di sonno sono necessarie per non essere “privati ​​del sonno”.

La mancanza di sonno costa agli Stati Uniti oltre 411 miliardi di dollari all’anno, secondo Fortune Magazine .

80,8 miliardi di dollari sono le spese previste a livello globale sugli aiuti del sonno.

328.000 incidenti ogni anno dovuti alla stanchezza del guidatore, di cui 6.400 incidenti mortali.

30% degli adulti e il 66% degli adolescenti soffrano regolarmente di insonnia.

Nel 1942 , gli americani avevano 7,9 ore in media a notte rispetto alle 6,8 ore nel 2013, con una diminuzione del 13% .

Il 20% degli adolescenti dorme meno di 5 ore , mentre la quantità media è di 6,5 ore.

Oltre 100mila decessi possono essere attribuiti a errori medici dovuti alla privazione del sonno.

Il 68% degli americani fatica a dormire almeno una volta alla settimana.

Il 3-5% dell’obesità negli adulti potrebbe essere causato dalla mancanza di sonno.

Il 37,9% delle persone ha riferito di essersi addormentati involontariamente durante il giorno o al lavoro negli ultimi 30 giorni.

Coloro che usano i sonniferi hanno una probabilità del 35% in più di sviluppare il cancro, secondo BMJ.

Esistono più di 70 tipi di disturbi del sonno. I più comuni sono l’insonnia, l’apnea ostruttiva del sonno, le sindromi motorie e la narcolessia.

Storia

Come dormivano i nostri nonni

Andare a letto la sera, dormire di filato tutta la notte e svegliarsi al mattino: questa, che ci sembra una routine così familiare da apparire universale, in realtà è un’abitudine (peraltro spiccatamente occidentale) piuttosto recente.

Un altro articolo interessante sul “dormire tutta la notte è un’invenzione relativamente nuova“.

Cos’è il sonno bifasico.

Ho seguito i ritmi del sonno dei nostri antenati per una settimana.

Nella storia dell’umanità non era mai capitato di dormire così poco. E il New Yorker, in un reportage avverte: non è una buona cosa.

Nell’incipit del Trattato sulla natura umana di Hume, il sonno viene accostato alla febbre e alla follia come un esempio fra gli altri dei possibili ostacoli che impediscono la vera conoscenza.

Nel 2001, lo storico Roger Ekirch della Virginia Tech University ha pubblicato un documento che ha incluso più di 15 anni di ricerca. Ha rivelato una straordinaria quantità di prove storiche che gli esseri umani dormivano in due fasi diverse e non in un’unica fase.

Sondaggi, analisi e studi

Come si sta muovendo la scienza

I primi studi per indagare sulla privazione totale del sonno erano piuttosto macabri. A Roma nel 1894, Maria Mikhailovna Manaseina, una biochimica russa, fece una presentazione al Congresso Internazionale di Medicina sui suoi esperimenti fatti a 10 cuccioli. Lei e le sue assistenti avevano tenuto i cani svegli e in costante movimento per 24 ore al giorno per circa cinque giorni, dopo il quinto giorno morirono tutti.

Ci sono voluti decenni perché gli scienziati tornassero sulla questione in modo serio. Negli anni ’80, Allan Rechtschaffen , un ricercatore del sonno presso l’Università di Chicago celebrato per il suo lavoro pionieristico sulla narcolessia, iniziò a progettare esperimenti in grado di separare gli effetti della sovrastimolazione da quelli dell’insonnia.

Usare la privazione del sonno per guarire le persone da una grave depressione può sembrare contro-intuitivo, ma per alcune persone è l’unica cosa che funziona. 

Una nuova ricerca che è stata recentemente pubblicata su Frontiers in Psychology  fornisce importanti spunti sulla connessione tra la qualità del sonno e la tendenza a procrastinare.

Gli atei hanno maggiori probabilità di dormire meglio dei cattolici e dei battisti.

Un sondaggio CDC del 2010 condotto su oltre 15.000 adulti ha rilevato che il 30% dei lavoratori dorme sei o meno ore al giorno.

Uno studio del 2009 sui dipendenti pubblici britannici ha rilevato che coloro che lavoravano più di 55 ore a settimana, rispetto alle 35-40 ore, avevano quasi il doppio delle probabilità di dormire poco.

La perdita di sonno è più comune tra i lavoratori più anziani e tra coloro che guadagnano poco e svolgono più lavori. 

Un quarto degli americani afferma che la loro attuale giornata lavorativa o routine non consente loro di dormire quanto vorrebbero.

Alexey Guzey, un ricercatore con un background in Scienze cognitive, ha fatto un test sugli effetti della privazione del sonno sulla cognizione dormendo 4 ore a notte per 12-14 giorni. Saggio spettacolare. ( guzey.com )

Sempre lui demolisce il famoso libro “Why We Sleep” di Matthew Walker.

Curiosità

Sapevi che il tuo orologio biologico è preciso come la sveglia del telefono? Il tuo corpo prende nota dell’ora in cui desideri svegliarti e ti sveglia.

Gli esseri umani sono gli unici mammiferi che ritardano il sonno.

Privazione del sonno nei giocatori NBA espn.com ).

Thomas Edison e il culto della privazione del sonno.

Perché la scuola dovrebbe iniziare più tardi per gli adolescenti.

Il compositore Max Richter ha pubblicato “Sleep” nel 2015, ma solo di recente è diventato disponibile sulle piattaforme di streaming: Spotify , Amazon , Apple Music , Tidal . L’album è lungo 8 ore e 24 minuti ed è stato progettato come aiuto / accompagnamento per il sonno. Il compositore ha lavorato con il neuroscienziato David Eagleman per allineare la musica con i ritmi naturali del sonno del corpo e del cervello.

Sarà vero?

Non avevo letto che il suicidio di Tobias Wong potesse essere stato eseguito mentre dormiva.

Tony Wright, orticoltore, ha battuto il record mondiale non ufficiale rimanendo senza dormire per più di 11 giorni . Il suo trucco era, quando il lato sinistro del cervello era stanco, passava al lato destro. E poi di nuovo dopo che la sinistra si era ripresa e così via.

Quanto tempo possiamo vivere senza…

Acqua? 3-7 giorni: l’ adulto medio sano può sopravvivere così a lungo senza acqua.

Dormire? Almeno 11 giorni (probabilmente)questa stima si basa su uno studio sui ratti del 1989. Tuttavia, alcuni scienziati pensano che la vera ragione per cui moriremmo senza dormire sia a causa di effetti secondari, come la malattia dovuta al sistema immunitario soppresso.

Cibo? 21–40 giorni: questo è il tempo in cui le persone sono sopravvissute senza cibo, sebbene abbiano avuto accesso all’acqua.

Bon, mi fermo qui. Grazie per la lettura e a presto.